edoc

"L’ho ancora fra le mie cose più care" : lettere nelle "Confessioni d’un Italiano"

Garau, Sara. (2008) "L’ho ancora fra le mie cose più care" : lettere nelle "Confessioni d’un Italiano". Bolletino di Italianistica. Rivista di critica, storia letteraria, filologia e linguistica, Vol. 5, H. 2. pp. 25-43.

Full text not available from this repository.

Official URL: http://edoc.unibas.ch/dok/A5251395

Downloads: Statistics Overview

Abstract

The article deals with letters – quoted, summed up or just mentioned – in the fictitious memoirs Le confessioni d’un Italiano by Ippolito Nievo. In particular, it tries to examine the various functions that the narrative strategy of ‘included’ letters – with antecedents in genres such as autobiography, epistolary and historical novel – assumes in the author’s work. Apart from some narratological functions, like authenticating the story, introducing different perspectives and secondary events, letters are connected to some aspects more typical of Nievo’s work. So, for example, rather than being actually differentiated from the narrator’s voice, ‘other peoples writings’ are often described from a linguistic and stylistic point of view. Eventually, the emphasis given to the material description of the letters, seen as objects, appears to be intimately connected to the specific concept of memory underlying Nievo’s novel. L’articolo si occupa del fenomeno delle lettere “incluse” nel racconto, che possono essere citate o anche solo riassunte o menzionate. In particolare si indagano le varie funzioni che questo procedimento narrativo – con antecedenti nel romanzo epistolare, ma anche in quello storico e nell’autobiografia – assume nelle Confessioni d’un Italiano di Ippolito Nievo. Oltre ad alcune funzioni di ordine piuttosto narratologico, di valenza generale (autenticazione del racconto, moltiplicazione dei punti di vista, introduzione di informazioni o episodi secondari), il procedimento sembra infatti legato ad alcuni aspetti più specifici dell’opera di Nievo. Così, piuttosto che essere distinti dalla voce del narratore, spesso gli “scritti altrui” vengono descritti dal punto di vista linguistico e stilistico. La forte insistenza sulla descrizione materiale e sull’oggettualità delle lettere si rivela infine intimamente connessa alla concezione della memoria che sta alla base delle Confessioni.
Faculties and Departments:04 Faculty of Humanities and Social Sciences > Departement Sprach- und Literaturwissenschaften > Fachbereich Italianistik > Italienische Literaturwissenschaft (Terzoli)
UniBasel Contributors:Garau, Sara
Item Type:Article, refereed
Article Subtype:Research Article
Bibsysno:Link to catalogue
Publisher:Carocci
Note:Publication type according to Uni Basel Research Database: Journal article
Last Modified:22 Mar 2012 14:30
Deposited On:22 Mar 2012 14:14

Repository Staff Only: item control page